Analisi convenzionate in gravidanza

6th Feb 2014
convenzioni in gravidanza

Avete scoperto di essere in dolce attesa, fate la prima visita ginecologica e il dottore vi prescrive le prime analisi da fare…le prime di una lunga serie!

Alla prima gravidanza le domande che vi frullano per la testa sono tantissime, e da brave inesperte vi lasciate consigliare da chi ha già vissuto questo percorso, oppure dal proprio dottore.

Io volevo che la mia gravidanza rimanesse un segreto fino al compimento del primo trimestre e quindi non avevo nessuno a cui chiedere consigli se non al mio ginecologo.

“Tutto bene Fra … adesso ti prescrivo le analisi da fare e la prossima volta le vediamo insieme, se vuoi nel nostro centro c’è il laboratorio di analisi, puoi venire a farle anche qui”

Perfetto penso, so quello che devo fare e dove poterlo fare, così prendo appuntamento.

Ok, devo premettere che la struttura della quale vi sto parlando è un famosissimo laboratorio di analisi al centro di Roma, quindi penserete che me la sono andata a cercare…ma immaginate la scena: entro, prendo il mio numeretto, aspetto nella loro comodissima sala di attesa circondata da vetrate su strada, maxischermi alle pareti e un via vai di panze “vip” e non.

Il mio turno.

“…sì salve, io devo fare queste analisi (sa sono incinta, è la mia prima gravidanza, sono emozionatissima, non mi sono mai sentita tanto felice…)”

“Perfetto, sono 674,81 euro”

“EH?!?!, quanto ha detto??? …accettate la carta di credito?”

Neanche ho iniziato ad essere incinta che questo fagiolino mi costa un botto, va bene tutto, ma non potrà essere mica così la musica per nove lunghissimi mesi!?

Dopo essere stata svenata, in tutti i sensi, torno a casa e mi metto a cercare informazioni sui costi delle analisi da fare in gravidanza e scopro che secondo il decreto legislativo del 29 Aprile del 1998 il Ministero della Sanità sancisce una serie di analisi in convenzione con la Struttura Sanitaria Nazionale.

In particolare il decreto prevede che siano erogate gratuitamente:

  1. le visite mediche periodiche ostetrico-ginecologiche;
  2. alcune analisi, elencate nell’allegato A al Decreto, da eseguire prima del concepimento, per escludere la presenza di fattori che possano incidere negativamente sulla gravidanza. Se la storia clinica o familiare della coppia evidenzia condizioni di rischio per il feto, possono essere eseguite in esenzione tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per accertare eventuali difetti genetici, prescritte dal medico specialista;
  3. gli accertamenti diagnostici per il controllo della gravidanza fisiologica indicati, per ciascun periodo di gravidanza, dall’allegato B al Decreto. In caso di minaccia d’aborto, sono da includere tutte le prestazioni specialistiche necessarie per il monitoraggio dell’evoluzione della gravidanza;
  4. tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per la diagnosi prenatale in gravidanza, nelle specifiche condizioni di rischio per il feto indicate nell’allegato C al Decreto, prescritte dallo specialista;
  5. tutte le prestazioni necessarie ed appropriate per il trattamento di malattie (preesistenti o insorte durante la gravidanza) che comportino un rischio per la donna o per il feto, prescritte di norma dallo specialista.

Spero di esservi stata di aiuto dandovi una dritta per iniziare a spendere qualche cosa in meno…ma non illudetevi, recuperete in fretta tra pannolini, vestitini, bavaglini, giocattolini…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *