Alimentazione in gravidanza: la toxoplasmosi

29th Gen 2014

Bene, dovete sapere che ho passato gran parte della mia dolce attesa nel quasi terrore del cosa mangiare,ma qual’è l’alimentazione in gravidanza da dover seguire?! Come se non bastasse accanto a me avevo il più rompi severo dei controllori: il futuro papà!

Leggevo libri, ognuno diceva la sua, consultavo le altre mamme, anche qui opinioni discordanti, ci stava chi mangiava tutto, chi beveva alcolici (con moderazione eh) e chi, SOLO IO, rinunciava a tutto nel dubbio! Poi finalmente una luce dal cielo, all’ottavo mese di gravidanza mi iscrivo al corso pre-parto.

“Ragazze il prossimo incontro lo terremo con il…VETERINARIO”

“Mi scusi, credo di aver capito male, con chi ci vediamo al prossimo incontro?!”

“Il veterinario”

“Ah ecco!”

Voi non ci crederete, ma non ci fu incontro più utile quel giorno per me! Vedevo mamme annuire a quanto gli veniva detto mentre io mi stupivo ogni secondo di più di quanto avessi sbagliato per tutto quel tempo, avrei potuto mangiare il tiramisù così come il salame, il sushi e il prosciutto! Avevo le lacrime agli occhi e una fretta di uscire da  lì per andarmi a stravaccare a casa..ero felicissima come non lo ero stata per otto lunghissimi mesi!!!

Vi state ancora chiedendo perchè l’incontro è stato con il veterinario?

Vi rispondo subito, gran parte dei problemi legati all’alimentazione in gravidanza dipendono da un parassita: il famigerato toxoplasma gondii che è la causa dalla toxoplasmosi, questo tipetto qui è facilmente reperibile nei gatti e in altri animali a sangue caldo e potrebbe causare l’infezione anche all’uomo.

Ovviamente il problema del cosa mangiare si pone sopratutto per quelle mamme che come me la fortuna di aver incontrato questo tipino qui non ce l’hanno avuta nella vita, rendendosene immuni, quindi in quei nove mesi devono stare particolarmente attente, infatti contrarre la toxoplasmosi in gravidanza potrebbe comportare dei problemi al feto, specie se preso all’inizio della gravidanza.

Non avete mai avuto la toxo? Bene, conoscerete da ora in poi il gusto e l’odore dell’amuchina e la carne simil legno.

Ma vediamo nel dettaglio:

CARNE

Suina: Salsicce fresche o frattaglie di suino (soprattutto cuore, cervello ed altri visceri) rappresentano un serio rischio di contagio. Neanche a dirlo se sapevo che ci stava il maiale in qualsiasi forma in un piatto…io quel piatto non lo mangiavo.

Caprina o ovina: Da un considerevole numero di studi è emerso che le carni di capra risultano frequentemente infette, la specie ovina, è molto sensibile all’ infezione da toxoplasma e sembra rimanere infetta per tutta la vita, è stato accertato inoltre che la carne cruda o non sufficientemente cotta rappresenta un rischio tanto più elevato quanto più gli animali sono vecchi, ciò in relazione alla maggiore probabilità dei soggetti di infettarsi. Arrosticini?!?un caro ricordo…

Bovina: Considerata la maggiore capacità di questi animali di resistere all’infezione e di eliminare rapidamente le cisti dai tessuti dovrebbe rappresentare un alimento a basso rischio di trasmissione. Ho mangiato la carne più dura e secca del mondo e quasi tutti i giorni!!

Pollo e coniglio: La carne di volatili e conigli è infetta molto raramente da toxoplasma e l’abitudine di cuocerla bene, inoltre, ne rende sicuro il consumo. Ma perchè sono sempre le cose meno saporite quelle più indicate?!?

Cavallo: L’equino risulta particolarmente resistente all’infezione da Toxoplasma pertanto viene considerata un alimento sicuro. Forse avrò mangiato carne di cavallo una volta da bambina, ma non ne sono sicura.

Selvaggina: Molto a rischio. Meno male.

FRUTTA E VERDURA hanno un’alta probabilità di essere infette quindi vanno lavate molto bene o cotte. Se in pausa pranzo eravate solite mangiarvi la vostra insalata mista, ora prendere le verdure crude in giro diventerà impossibile.

Ok, questo è quello che ci sta da sapere sulla toxoplasmosi, quello che non sapevo è che grazie a determinati processi il parassita si può abbattere come con la cottura e il congelamento, e chi avrebbe mai pensato di mettere il salame nel freezer per poterselo mangiare?!?

Chiuso il capitolo della toxoplasmosi pensate che il resto sia tutto mangiabile? Lo scopriremo presto…

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *