Goditi questi anni

24th Mag 2014
In questo periodo dell’anno durante i miei tragitti in motorino faccio dei voli pindarici degni di nota.
 
Sarà l’aria della primavera, sarà che quei tragitti sono gli unici momenti che passo da sola con me stessa, sarà che solo oggi capisco davvero frasi che mi venivano dette anni fa…e per le quali solo ora, ripensandoci, sorrido.
 
Ma sì, anni fa ero un’adolescente, e come ogni adolescente non stavo mai in pace con me stessa.
 
Il fidanzato del tempo mi faceva impazzire, soffrivo, piangevo, il mondo mi crollava addosso…poi facevamo pace, tornavano i colori, i sorrisi, i bei pensieri…e poi ancora una discussione che mi faceva stare male…
ah l’adolescenza!
 
I miei genitori mi dicevano sempre: goditi questi anni, nessuno te li ridarà indietro!
Ma come?
Io soffrivo per amore, volevo “stabilità” nella mia vita, da sola non riuscivo a stare!
 
Da sola.
 
Pensare oggi di stare da sola mi sembra un miraggio.
 
Ma perchè vi sto parlando di questa cosa?
Probabilmente perchè ascoltando le storie all’interno della mia famiglia, tra sorella, cugine, amiche di amiche…le frasi che al tempo mi sentivo dire…mi rimbombano nella testa, e con un fare assolutamente risoluto da donna vissuta…stanno lì, sulla punta della lingua, fiere di venir fuori: goditi questi anni, nessuno te li ridarà indietro!
 
Poche parole, banali, vogliono dire tutto e non vogliono dire nulla…
 
Con che pretesa un’adolescente dovrebbe godersi un periodo della sua vita se il fidanzatino del momento l’ha lasciata, la sta facendo soffrire…ecc ecc
 
la risposta ora la conosco.
 
Oggi guardo la mia vita, in quel tragitto in solitaria sul motorino che da casa mi porta a lavoro e viceversa, vedo il disordine in giro per casa e quella sensazione di consapevolezza che se anche riuscissi a sistemare tutto, di lì a breve sarà di nuovo tutto sotto un bombardamento nucleare…vedo il sorriso sdentato di mio figlio, il momento in cui ci siamo guardati per la prima volta e i traguardi che ogni giorno raggiunge…lo sgaurdo complice di mio marito quando la sera, in silenzio, guardando la tv sul divano cotti e stravolti dalla giornata che sta finendo, parliamo a bassa voce perchè lui non si svegli, mano nella mano.
 
Oggi siamo adulti.
Oggi siamo diventati grandi.
 
A prescindere da tutto, sono sicura di una cosa sola, se oggi sono la persona che sono, lo devo solo a quelle giornate no della mia adolescenza, ai miei pianti, al mio stare male, ai sorrisi, alle risate e ai casini che puntualmente facevo.
 
Tante volte viene da dire: “se solo potessi tornare indietro…tante cose non le rifarei…” forse, non lo so, nonostante tutto non ne sono sicura, è vero, sarebbe tutto più facile…ma oggi non avrei quello che ho: l’esperienza.
 
Goditi questi anni, nessuno te li ridarà indietro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *